Scandiano com’era: Piasa Padèla

Uno dei luoghi di maggior importanza storica di Scandiano è senza dubbio piazza Fiume, conosciuta da tutti gli scandianesi semplicemente come Piazza Padella.

Quello che attualmente si presenta come una spiazzo aperto era fino agli inizi del secolo scorso un ghetto formato da 5 viuzze dette “Contradelle“: pur non essendo un ghetto chiuso, è stato il luogo abitato dalla comunità ebraica.

Dall’interessante libro di Daniela Bergonzoni  Storia degli ebrei di Scandiano” troviamo molte informazioni storiche su questa parte di Scandiano.

Il primo riferimento importante al fine di definire le modalità di formazione delle Contradelle risale al 18 maggio 1452 quando il duca Borso d’Este, di ritorno da Reggio, fa visita a Scandiano e vede “Totus murus qui nunc cingit castellum Scandiani cum omnibus turrionis”.

In altri documenti d’epoca si parla infatti non solo di “Rocha Scandiani nova” ma anche di “Burgo de subto castri Scandiani” e di “burgo novo Scandiani, ab occidente ab ecclesia conventus S. Mariae de la Cruceta”.

A riferire notizie sulle Contradelle è anche Francesco Morsiani, cronista scandianese del primo settecento, che scrive: “in quella contrada che s’imbocca all’entrata della torre dell’Orologio e va al piazzale ove sta la Chiesa Grande, si comprendevano in questo spacio di Scandiano vecchio le Contradelle in numero di cinque, e l’ oratorio di S.Carlo”.

Un altro storico che ci testimonia che questa zona era chiamata ghetto è Paolo Braglia, che così scrive: “Nel 1775 fu aperta la comunicazione della strada detta di Bellaria, ossia di S.Croce con la contrada detta di Fontana, perciò si rese più comoda la comunicazione tra il Ghetto e il resto del paese e gli ebrei ancor essi contribuirono a questo lavoro”

Le Contradelle erano formate da cinque piccole contrade, tre delle quali e precisamente via degli Esecutori, via Gaeta e via Frumentaria poste parallelamente a via Magati; le restanti due, via del Forno e via della Fontana (la fontana si trovava all’angolo sud-est) parallele all’attuale via Garibaldi.

La via degli Esecutori era così chiamata perchè in una casa del suo lato meridionale risiedevano appunto gli Esecutori, specie di funzionari locali di pubblica sicurezza.

Tre furono le caratteristiche che contibuirono a rendere questa zona un movimentato punto nevralgico della cittadina: il forno, la filanda e il Monte delle Biade.

Del forno si ha notizia sia dal 1409, il Peculio delle Biade fu invece istituito nel 1609 su iniziativa di frate Gerolamo da Forlì che si propose di erigere a vantaggio dei poveri un Monte di Biade, che fu poi demolito nel 1841, e si è a conoscenza di filatori di seta (cioè della Filanda) dal 1796.

La prima filanda venne però istituita nel 1838 da Emmanuel Almansi, e solo 5 anni più tardi vi erano impiegate più di 60 persone. L’attività della filanda si interruppe ai primi decenni del 900.

Le Contradelle, sporche, malsane e origine di diverse malattie, vennero abbattute nel 1914.

Annunci

Informazioni su scandianolanostraterra

Di Alberto Pedroni, progetto nato per conoscere e fare conoscere il territorio di Scandiano nella provincia di Reggio Emilia.
Questa voce è stata pubblicata in Comune di Scandiano, Itinerari sul territorio di Scandiano, La nostra terra, Ricordi di un tempo, Scandiano, Scandiano antica, Scandiano la nostra terra, Storia, Terre di Scandiano, Territorio Scandianese e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Scandiano com’era: Piasa Padèla

  1. giovanna ha detto:

    Molto interessante!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...