Dal convento dei Frati Cappuccini verso i Lagoni di Pianderna

Partiamo in una splendida giornata di inizio settembre dal Convento Frati Cappuccini S. Francesco d’Assisi e S. Antonio di Padova, la cui Chiesa risale al 1632 .

Scendendo lungo la via Crucis attraversiamo la strada per poi intraprendere, verso destra,  la ciclopedonabile lungo il Tresinaro fino a raggiungere Cà Dè Caroli dove continuiamo sempre dritto lasciandoci a sinistra il Circolo le Ciminiere .

A questo punto iniziamo a salire le colline, in un percorso decisamente faticoso ma estremamente rilassante; tra la vegetazione e le ampie aperture sulla vallata è facile “dimenticare” di essere nel territorio di Scandiano.La salita  ha una pendenza notevole, il cartello indica 15%, ma l’andatura lenta è un ottimo motivo per osservare la natura spontanea che cresce rigogliosa.

 

 

 

 

Una croce con una bandiera che sventola è a ricordo di un tragico fatto di guerra accaduto il 1 gennaio 1945, quando un gruppo di partigiani prelevarono e uccisero 9 cittadini fascisti scandianesi.

Lasciando il Monte del gesso sulla nostra sinistra e continuando a salire arriviamo al termine della strada che porta all’ex agriturismo; qui prendiamo a destra  la carraia che costeggia il vigneto e arriviamo infine in vista dei Lagoni di Pianderna.

Si tratta di diversi laghi artificiali realizzati per abbeverare gli animali che fino a pochi anni fa venivano allevati sul Monte Evangelo.

Attualmente la zona, proprietà privata, non presenta più bestiame da pascolo e vi si trovano sparsi qua e là diversi ruderi dove vivevano i contadini e gli allevatori. Il luogo è incantevole: l’atmosfera tranquilla e silenziosa ci dona un piacevole senso di rilassatezza e ci sembra quasi irreale essere a pochi minuti dal centro di Scandiano.

Annunci

Informazioni su scandianolanostraterra

Di Alberto Pedroni, progetto nato per conoscere e fare conoscere il territorio di Scandiano nella provincia di Reggio Emilia.
Questa voce è stata pubblicata in Comune di Scandiano, Itinerari sul territorio di Scandiano, La nostra terra, Scandiano, Scandiano la nostra terra, Terre di Scandiano, Territorio Scandianese e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dal convento dei Frati Cappuccini verso i Lagoni di Pianderna

  1. Valda Busani ha detto:

    una precisazione mi sembra dovuta: la croce con la bandiera che sventola si riferisce a un tragico fatto di guerra – il prelevamento e l’uccisione di nove cittadini fascisti scandianesi da parte di un gruppo di partigiani – accaduto il 1 gennaio 1945, quando ancora la guerra era in corso e Scandiano era sotto l’occupazione nazista; non si tratta di “un eccidio compiuto in quella zona subito dopo la fine della seconda guerra mondiale”; la memoria è cosa importante per l’identità di una comunità e la correttezza e il rigore nel ricostruirla sono doverosi; Valda Busani

  2. La ringraziamo per la sua precisazione: evidentemente le nostre informazioni non erano esatte, e abbiamo già provveduto a correggere l’articolo.
    Alberto Pedroni e Davide Massarini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...